Quando sono considerati come un intero, gli acidi volatili in un vino formano l'acidità volatile di un vino. Essi includono minuscole parti di acido formico, acido propionico e pochi altri acidi, ma senza dubbio è l'acido acetico (lo stesso acido responsabile della trasformazione del vino in aceto) che gioca il ruolo più importante nell'acidità volatile. In minuscole proporzioni, essa può veramente dare un tocco di freschezza a qualche vino pesante. Per sperimentare direttamente la potenza dell'acidità volatile, aprite una bottiglia di Madeira (diciamo, un Malmsey di 10 anni) ed annusate il vino. L'aroma che trapassa il vostro naso è il risultato dell'acidità volatile.